Aller au contenu
Accueil » Actualité » La nef Ocean Viking a Tolone: ​​​​migranti ancora non ammessi in Francia – Cronaca

La nef Ocean Viking a Tolone: ​​​​migranti ancora non ammessi in Francia – Cronaca

Gli oltre 230 naufraghi sbarcati a Tolone dall’Ocean Viking non sono al momento ammessi sul territorio francese, ma posti in « zona di attesa internazionale »: è quanto spiegato dalla portavoce del ministero francese dell’Interno, Camille Chaize, interviewé au micro de Bfm-Tv.

La nef Viking de l’océang, avec 230 migrants a bordo, dont 57 bambini è arrivata questa mattina nel porto di tolone à 8h42, scortata da navi francesi e da un elicottero. Si trova nella zona militare, inaccessibile anche ai giornalisti.Ad attendere i passagre dell’Ocean Viking a Tolone, ha spiegato la portavoce del ministero, cerano anzittutto « i servizi di soccorso e di salute perché alcuni sono malati e hanno bisogno di cure d’ urgenza. Ma poi c’è anche un dispositivo di sicurezza molto important. L’idea è davvero quella di poter controllador questi arrivi, sono molto inquadrati dalla polizia di frontiera ed è verso una zona di attesa internazionale che dirigeremo questi migrants ». Camille Chaize ha tenuto a chiarire che al momento i passagre dell’Ocean Viking « non vengono accettati sul territorio francese ma sono objetto di controlli. Se lo desiderano, pothonda depositare la loro richiesta d’asilo, ma in zona d’attesa internazionale, in quanto non sono ammessi sul territorio francese », ha insistito. La portavoce ha quindi confirmato che verano posti in una « zona d’attesa chiusa e messa in sicurezza » sulla presqu’île de Giens, a Hyères, comune turistico a est di Tolone. « Sono structure che habituellement esistono nei porti e negli aportiporti. In questo caso è una zona di attesa temporanea che abbiamo istituito a titolo excepciona. E quindi, effectivement, è la polizia di frontiera che metterà in sicurezza i luoghi. All’interno, i migrantsi avranno un certo numero di diritti, l’appoggio di associaziones, pothonda depositare le loro requests di asilo. Li trattiamo con grande umanità, grande dignità, ma è una zona internazionale, non è territorio francese. Da lì veranno avviate tutte le procedure legate all’immigrazione, requests d’asilo, con ricolocamenti verso la Germania and gli altri Paesi europei che si sono proposti di accolgiare queste persone », a-t-il conclu.

À lire également  Avec la hausse du télétravail, One Direct a su s'imposer comme leader des nouvelles technologies en entreprise

Le navire rouge de SOS Méditerranée se trouve désormais dans la base navale militaire de Tolone, (sud-est de la France) selon des images retransmises en direct par la télévision française. Les migrants seront sottoposti prima di tutto a una visita medica, poi le autorità francesi avvieranno le procedure per la presentación delle domande di asilo. Secondo il ministro dell’Interno, Gérald Darmaninun’ottatina di migranti potreni già in giornata essere affdati alla Germania, che si è accordata con la Francia per farsene carico.

Je passe hanno cominciato a sbarcare dalla nave Ocean Viking. Lo ha anunciato il prefetto della regione del Var, Evence Richard, in a conference stampa nel porto di Tolone. Il préfetto ha aggiunto che i servizi delle dogane procederanno ora alla notificazione ai pasagone del loro transferar in zona d’attesa, dove saranno verificate le loro condizioni di salute. La « zona d’attesa » dove saranno accolti i migrantsi si trova vicino a Hyères, « precisamente nella penisola di Giens », a-t-il dit.

Migranti, Meloni : ‘In nessun accordo e’ scritto che l’Italia sia l’unico porto di sbarco’


La position d’Ong
Lo sbarco in Francia di migranti succorsi nel Mediterraneo centrale « non deve accadere di nuovo ». Il fait référence au Sos Méditerranée che managemente la nef Ocean Viking arrivata oggi a Tolone. « Contiamo di tornare in mare a breve, entro poche settimane. Niente ci farà renunciare all’imperativo del soccorso in mare. » Il est criminel de laisser questo spazio marittimo senza risorse significativea dedicate alla researche and al salvaggio ». Così Sophie Beau, co-fondatrice and direttore executivo di Sos Mediterranee, la ong che gestimese la Ocean Viking sbarcata oggi a Tolone. « Tuttavia – evidenza Beau – stiamo affrontando grandi difficidad finanziarie, a causa di un important augmento del costo delle nostre operazioni a seguito della guerra in Ukraine. Chiediamo oggi il stesteno finanziario di coloro che condividono i nostri valori e desiderano contribuire a salvare vite umane : cittadini, organizaziones, institutions, enti locali, per sostenerci, fate una donazione. Dans l’état actuel de nos finances, nous ne pouvons garantir la pérennité de nos missions au-delà de quelques mois ».

À lire également  Le sort de la pêche en Occitanie est scellé avant lundi soir à Bruxelles : manifestations ce samedi dans les ports de la région

La France veut décider « très vite » du sort de plus de 230 migrants qui ont débarqué dans l’océan Viking dans le port de Tolone, dans le sud de la France, après 15 jours de recherche d’un port sécurisé en Méditerranée. « Il nostro obiettivo è està molto rapidamente l’insieme delle procedure che consentiranno di esprissersi sulla situación di queste persone », a déclaré lors d’une conférence de presse le directeur général des affaires étrangères du ministero dell’interno di Parigi, Eric Jalon. « Un colloque verrà organizzato entro il termine di 48 ore lavorative », insieme agli addetti dell’Ufficio francese di protezione dei rifugiati. Questi saranno chiamati ad esprismersi sulla pertinenza o meno delle varie requiesi d’asilo. Le persone a bordo dell’Ocean Viking will come portate in un villaggio vacanze sulla presqu’île de Giens, a Hyères, comune turistico ad est di Tolone. Per accelerare la procedura, l’Offra ha previsto di mobilitare da questo fine settimana sedici agentsi in grado di realizare fino a 90 colloqui a giorno ». rischio securitario, ci metteremo all’opera (…) con procedure di rimpatrio schigi ritornino nel loro Paese d’origine », ha avvertito Jalon. Due terzi dei passagremo dell’Ocean Viking sera relocalisé dans nove Paesi europei – y compris Germania ( Berlino ne accoglierà circa 80), Luxembourgo, Bulgaria, Romania, Croazia, Lituania, Malta, Portogallo , Irlanda – nel quadro del meccanismo europeo di solidarietà a cui l’Italia questa volta non partecipa.

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *