Aller au contenu
Accueil » Actualité » Draghi : « Non prorogheremo lo stato di emergenza. Basta mascherine Ffp2 a scuola  » – Politica

Draghi : « Non prorogheremo lo stato di emergenza. Basta mascherine Ffp2 a scuola  » – Politica

« Il Governo est consapevole del fatto che la solidità della ripresa dipende prima di tutto dalla capacità di superare le emergenze del momento. vita di cittadini e imprese. Voglio annunciare che è è intenzione del Governo non prorogare lo stato d’emergenza oltre il 31 mars« . Lo ha detto il premier Mario Draghi au Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. » Continuez à surveiller et à contrôler le siège de la pandémie, pronti a intervenire in caso di recrudescenze « precisa il premier. » Il nostro obiettivo è riaprire del tutto, al più presto « .

Le premier Mario Draghi est arrivé au couvent de Santa Maria Novella à Florence pour l’ouverture de l’incontro « Mediterraneo frontiera di pace » che riunisce vescovi e sindaci di più Stati da oggi a domenica.

In apertura dell’incontro Mediterraneo frontiera di pace, il card. Gualtiero Bassetti ha rivolto « un saluto particulier » al presidente del Consiglio Mario Draghi : « Lo ringrazio calorosamente della sua presenza e soprattutto dello sforzo che quotidianamente rivolge all’azione di Governo for l’Italia, in un periodo così difficile a causa della pandemia della della pandemia Opera di Rilancio del Paese.

L’incontro di oggi e quelli dei prossimi giorni sono un invito a sviluppare questa visione a partire dalle città, che sono semper più il centro della vita della regione. A ragionare sui nostri diritti e sui nostri doveri come cittadini del Mediterraneo. A lavorare perché il Mediterraneo sia un laboratorio di pace, tolleranza, prosperità, al centro dell’Europa « . Lo ha detto il premier Mario Draghi alla cerimonia di apertura dell » Incontro dei Vescovi e Sindaci del Mediterraneo ‘. che l’incontro di oggi avvenga qui, a Firenze. Il Concilio di Firenze, che si chiuse nel 1439 ed ebbe in parte luogo proprio in questo convento, riuscì a riunire, seppur temporaneamente, la Chiesa di Occidente a quella di Oriente. Tra il 1958 et il 1964, semper a Firenze si tennero i Colloqui mediterranei, voluti da Giorgio La Pira, instancabile difensore dei diritti inviolabili dell’uomo – ricorda -. I Colloqui mediterranei nascevano dalla convinzione che le nazioni che si affacciano sul mare avessero un ‘destin comune’ ; che il dialogo tra le religioni di Abramo – ebraismo, cristianesimo, Islam – fosse necessario per il mantenimento della pace ; e che una comune cultura mediterranea potesse servire come base per un ‘ordine umano mediterraneo, fondato sulla giustizia e sulla felicità’ « . » Tutti i giovani hanno la legittima aspirazione di realizzare a pieno il proprio potenziale. Tuttavia, si scontrano con un mercato del lavoro che li lascia spesso ai margini. Il tasso di disoccupazione giovanile nella regione è il più alto al mondo e in alcuni Paesi supera il 40% per le ragazze « . Lo ha detto il premier Mario Draghi alla cerimonia di apertura dell »Incontro dei Vescovi e Sindaci del Mediterraneo ‘. Occupation de Méditerranée, vuol dire prima di tutto occuparsi delle nule generazioni. Investire nella scuola, nella formazione e creare le condizioni per investimenti e posti di lavoro « , ha aggiunto. » In momenti di crisi dobbiamo ancor più difendere i valori in cui crediamo e che ci guidano. La convivenza, la fratellanza, la tolleranza che celebriamo in questo incontro devono realizzarsi anche oltre i confini della regione in cui viviamo. Gli eventi in Ucraina ci portano a ribadire che le prevaricazioni ei soprusi non devono essere tollerati « . Lo ha detto il premier Mario Draghi alla cerimonia di apertura dell »Incontro dei Vescovi e Sindaci del Mediterraneo ‘.

À lire également  Corbières Salanque Méditerranée : Black Friday non, Aqui Friday oui !

La première de Mario Draghi est un succès sur le nouveau théâtre de la musique Maggio fiorentino, ultima tappa del sua visita nel capoluogo toscano. Draghi visitera le cantiere dei nuovi lavori nel teatro e poi prenderà parte a un incontro con the autorità locali e the categorie economiche all’interno del nuovo auditorium Zubin Metha

LA DIRETTA

Devant le premier aveva visitato lo stabilimento all’Osmannoro, un Sesto Fiorentino (Firenze) della Salvatore Ferragamo. Ad accoglierlo nella sede della maison fiorentina Leonardo Ferragamo, presidente della Salvatore Ferragamo, con i fratelli Ferruccio e Giovanna Ferragamo, l’ad Marco Gobbetti, i sindaci di Firenze Dario Nardella e di Sesto Fiorentino Loreni Delchi il il can prefetto di Firenze Valerio Valenti. Draghi ha incontrando i lavoratori dell’azienda « li ha ringraziati per il lavoro che fanno, e per la realtà che rappresentano ». E ‘quanto riferisce Lorenzo Falchi, sindaco di Sesto Fiorentino, che ha accolto Draghi insieme al sindaco Metropolitano di Firenze, Dario Nardella, e al presidente della Regione Toscana Eugenio Giani. Draghi è stato accompagnato dai vertici della maison per una visita allo stabilimento, prima all’archivio che conserva i modelli storici realizzati dal fondatore, Salvatore Ferragamo, e poi nei reparti dove gli sono stati illustrati i passaggi principali de la famizosezionature Avec succès, nel giardino interno dello stabilimento, ha incontrato i dipendenti.

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée.