Aller au contenu
Accueil » Actualité » Benzina, ecco come sanzioni al petrolio russo e Opec + si stanno mangiando il bonus del government

Benzina, ecco come sanzioni al petrolio russo e Opec + si stanno mangiando il bonus del government

ROME – Je nuovi aumenti del petrolio si stanno mangiando il bonus del gouverneur Draghi per calmierare i prezzi al distributore. Negli ultimi giorni, benzine et essence hanno visto salire i prezzi: è il primo effetto di quanto sta accadendo sui mercati internazionali all’annuncio di nuovi sanzioni della ue nei confronti della Russie. En particulier, l’embargo del greggio che vale fino al 25% del fabbisogno europeo.

E ‘vero che il pétrole (che viaggia per lo più via nef) è più facilmente sostituibile del gas (che viaggia soprattutto via tubo), ma in ogni caso, bisogna trovarlo e comprarlo. A aumento della domanda che beneficerà i principal concorrenti della Russia (terzo produttore mondiale). Come è altrettanto vero che l’embargo si concretizzerà pienamento solo per la fine dell’anno e alcuni paesi potrebbero avere la deroga di un anno. ma i mercati si uovono semper in anticipo e stanno già scontando i nuovi prezzi, che si ribaltano poi sui prodotti raffinati e alla fine sui bilanci di famiglia e impresa. Tra l’altro, alimentando il rilazo dell’inflazione.

Ma ci sono due fattori che potrebbero raffreddare i prezzi. Le primo est l ‘Opep +, il cartello dei maggiori produttori da qualche anno alllargato alla Russia. Potrebbe decidere, nella consueta riunione mensile, di alzare il livello della produzione, oltre i 400mila barile del piano post pandemia. S’il est probable que ce n’est pas loin, alors vous perdrez du riz et l’annulation de l’annulation du monde entier. Anzi, Il segretario generale dell’Organizzazione, Mohammad Barkindo, ha ribadito che non è possibile per altri produttori sostituire l’offerta russa.

Il secondo fattore ci porta in Chine. Il timore di nuovi lockdown, sull’esempio del caso Shanghai, sta rallentando l’economia di Péchino. E siccome è il maggioracquinte di prodotti petroliferi al mondo (ed energyi in generale), il calo della domanda potrebbe trascinare al ribasso le quotazioni. Pour le moment, cependant, cela ne vaut pas la peine de continuer les citations et les salires d’orge.

À lire également  Une semaine de temps instable en Espagne avec de la pluie et des basses températures Espagne

L’aumento dei prezzi viene confermato dalle rilevazioni di Quotidiano Energia: « Con le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo che hanno chiuso ieri al rialzo, soprattutto sulla benzina, si registrano oggi gli interventi sui prezzi raccomandati di Q8, che sale di due cent su benzina e diesel, e di Eni che rincara di un cent la verde e il diesel, ma scende di due cent sul Gpl « .

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *